🥑 3 semplici passi per perdere peso il più velocemente possibile. Leggi ora

Effetti collaterali del tè

9 motivi per non bere troppo tè

Sebbene il tè sia stato collegato a vari benefici per la salute, troppe cose buone possono portare a effetti collaterali. Ecco nove possibili effetti collaterali di bere troppo tè.

Basato sull'evidenza
Questo articolo si basa su prove scientifiche, scritte da esperti e verificate da esperti.
Esaminiamo entrambi i lati dell'argomento e ci sforziamo di essere obiettivi, imparziali e onesti.
Ultimo aggiornamento il 2 dicembre 2022 e ultima revisione da parte di un esperto il 26 settembre 2022.

Il tè è una delle bevande più amate al mondo.

Le varietà più popolari sono verdi, nere e oolong, tutte ricavate dalle foglie della pianta Camellia sinensis.

Poche cose sono così soddisfacenti o rilassanti come bere una calda tazza di tè, ma i meriti di questa bevanda non si fermano qui.

Il tè è stato usato per le sue proprietà curative nella medicina tradizionale per secoli. Inoltre, la ricerca moderna suggerisce che i composti vegetali nel tè possono svolgere un ruolo nel ridurre il rischio di malattie croniche, come cancro, obesità, diabete e malattie cardiache.

Sebbene il consumo moderato di tè sia una scelta molto salutare per la maggior parte delle persone, superare le 3-4 tazze (710-950 ml) al giorno potrebbe avere alcuni effetti collaterali negativi.

Ecco nove possibili effetti collaterali di bere troppo tè.

1. Ridurre l'assorbimento di ferro

Il tè è una ricca fonte di una classe di composti chiamati tannini. I tannini possono legarsi al ferro in alcuni alimenti, rendendolo non disponibile per l'assorbimento nel tratto digestivo.

La carenza di ferro è una delle carenze nutrizionali più comuni al mondo e, se hai bassi livelli di ferro, l'assunzione eccessiva di tè può esacerbare la tua condizione.

La ricerca suggerisce che i tannini del tè hanno maggiori probabilità di ostacolare l'assorbimento del ferro da fonti vegetali rispetto agli alimenti di origine animale. Pertanto, se segui una rigida dieta vegana o vegetariana, potresti voler prestare maggiore attenzione alla quantità di tè che consumi.

Il numero di tannini nel tè può variare notevolmente a seconda del tipo e della preparazione. Limitare l'assunzione a 3 o meno tazze (710 ml) al giorno è probabilmente un intervallo sicuro per la maggior parte delle persone.

Se hai un basso contenuto di ferro ma ti piace comunque bere il tè, considera di consumarlo lontano dai pasti come ulteriore precauzione. In questo modo sarà meno probabile che influisca sulla capacità del tuo corpo di assorbire il ferro dal cibo durante i pasti.

Riepilogo: i tannini presenti nel tè possono legarsi al ferro negli alimenti a base vegetale, riducendo la quantità che puoi assorbire nel tratto digestivo. Se hai un basso contenuto di ferro, bevi il tè tra i pasti.

2. Aumento dell'ansia, dello stress e dell'irrequietezza

Le foglie di tè contengono naturalmente caffeina. Il consumo eccessivo di caffeina dal tè, o qualsiasi altra fonte, può contribuire a sentimenti di ansia, stress e irrequietezza.

Tè verde vs. caffè: Qual è il migliore per la tua salute?
Consigliato per te: Tè verde vs. caffè: Qual è il migliore per la tua salute?

Una tazza media (240 ml) di tè contiene circa 11-61 mg di caffeina, a seconda della varietà e del metodo di preparazione.

I tè neri contengono più caffeina rispetto alle varietà verdi e bianche e più a lungo si lascia in infusione il tè, maggiore è il contenuto di caffeina.

La ricerca suggerisce che è improbabile che dosi di caffeina inferiori a 200 mg al giorno causino ansia significativa nella maggior parte delle persone. Tuttavia, alcune persone sono più sensibili agli effetti della caffeina rispetto ad altre e potrebbero dover limitare ulteriormente la loro assunzione.

Se noti che la tua abitudine al tè ti fa sentire nervoso o nervoso, potrebbe essere un segno che ne hai bevuto troppo e potresti voler ridurre per ridurre i sintomi.

Potresti anche considerare di optare per tisane prive di caffeina. Le tisane non sono considerate dei veri tè perché non derivano dalla pianta della Camellia sinensis. Invece, sono fatti da vari ingredienti privi di caffeina, come fiori, erbe e frutta.

Riepilogo: il consumo eccessivo di caffeina dal tè può causare ansia e irrequietezza. Se noti questi sintomi, riduci l'assunzione di tè o prova a sostituirlo con tisane prive di caffeina.

3. Dormire poco

Poiché il tè contiene naturalmente caffeina, l'assunzione eccessiva può interrompere il ciclo del sonno.

La melatonina è un ormone che segnala al cervello che è ora di dormire. Alcune ricerche suggeriscono che la caffeina può inibire la produzione di melatonina, con conseguente scarsa qualità del sonno.

Consigliato per te: 9 effetti collaterali della troppa caffeina

Il sonno inadeguato è collegato a vari problemi mentali, tra cui affaticamento, memoria ridotta e ridotta capacità di attenzione. La privazione cronica del sonno è associata a un aumentato rischio di obesità e a uno scarso controllo della glicemia.

Le persone metabolizzano la caffeina a velocità diverse ed è difficile prevedere con precisione in che modo influisca sui modelli di sonno in tutti.

Alcuni studi hanno scoperto che anche solo 200 mg di caffeina consumati 6 o più ore prima di coricarsi potrebbero influire negativamente sulla qualità del sonno, mentre altri studi non hanno osservato alcun effetto significativo.

Supponi di avere una scarsa qualità del sonno e di bere regolarmente tè con caffeina. In tal caso, potresti considerare di ridurre l'assunzione, soprattutto se consumi altre bevande o integratori contenenti caffeina.

Riepilogo: l'assunzione eccessiva di caffeina dal tè può ridurre la produzione di melatonina e interrompere il sonno.

4. Nausea

Alcuni composti nel tè possono causare nausea, soprattutto se consumati in grandi quantità oa stomaco vuoto.

I tannini nelle foglie di tè sono responsabili del gusto amaro e secco del tè. La natura astringente dei tannini può anche irritare il tessuto digestivo, portando potenzialmente a sintomi spiacevoli, come nausea o mal di stomaco.

La quantità di tè necessaria per ottenere questo effetto può variare notevolmente a seconda della persona.

Gli individui più sensibili possono manifestare questi sintomi dopo aver bevuto solo 1–2 tazze (240–480 ml) di tè. Al contrario, altri potrebbero essere in grado di bere più di 5 tazze (1,2 litri) senza notare alcun effetto negativo.

Se noti uno di questi sintomi dopo aver bevuto il tè, potresti prendere in considerazione la possibilità di ridurre la quantità totale che bevi in qualsiasi momento.

Puoi anche provare ad aggiungere una spruzzata di latte o ad avere del cibo con il tuo tè. I tannini possono legarsi alle proteine e ai carboidrati negli alimenti, riducendo al minimo l'irritazione digestiva.

Consigliato per te: Tè Chai: benefici per la salute, dosaggio, sicurezza e ricetta

Riepilogo: i tannini nel tè possono irritare il tessuto digestivo in individui sensibili, causando sintomi come nausea o mal di stomaco.

5. Bruciore di stomaco

La caffeina nel tè può causare bruciore di stomaco o aggravare i sintomi di reflusso acido preesistenti.

La ricerca suggerisce che la caffeina può rilassare lo sfintere che separa l'esofago dallo stomaco, consentendo al contenuto acido dello stomaco di fluire più facilmente nell'esofago.

La caffeina può anche contribuire ad un aumento della produzione totale di acido nello stomaco.

Naturalmente, bere il tè potrebbe non causare necessariamente bruciore di stomaco. Le persone rispondono in modo molto diverso all'esposizione agli stessi cibi.

Detto questo, se si consumano regolarmente grandi quantità di tè e si verificano frequentemente bruciori di stomaco, può essere utile ridurre l'assunzione e vedere se i sintomi migliorano.

Riepilogo: la caffeina nel tè potrebbe causare bruciore di stomaco o esacerbare il reflusso acido preesistente grazie alla sua capacità di rilassare lo sfintere esofageo inferiore e aumentare la produzione di acido nello stomaco.

6. Complicazioni della gravidanza

L'esposizione ad alti livelli di caffeina da bevande come il tè durante la gravidanza può aumentare il rischio di complicazioni, come aborto spontaneo e basso peso alla nascita del bambino.

I dati sui pericoli della caffeina durante la gravidanza sono contrastanti e non è ancora chiaro esattamente quanto sia sicuro. Tuttavia, la maggior parte delle ricerche indica che il rischio di complicanze rimane relativamente basso se si mantiene l'assunzione giornaliera di caffeina sotto i 200-300 mg.

L'American College of Obstetricians and Gynecologists raccomanda di non superare la soglia di 200 mg.

Il contenuto totale di caffeina del tè può variare, ma di solito è compreso tra 20 e 60 mg per tazza (240 ml). Quindi, per prudenza, è meglio non bere più di 3 tazze (710 ml) al giorno.

9 cibi che possono causare bruciore di stomaco
Consigliato per te: 9 cibi che possono causare bruciore di stomaco

Alcune persone preferiscono bere tisane prive di caffeina invece del tè normale per evitare l'esposizione alla caffeina durante la gravidanza. Tuttavia, non tutte le tisane sono sicure da usare durante la gravidanza.

Ad esempio, le tisane contenenti cohosh nero o liquirizia possono indurre il travaglio prematuramente e dovrebbero essere evitate.

Se sei incinta e sei preoccupato per l'assunzione di caffeina o tisane, chiedi consiglio al tuo medico.

Riepilogo: la sovraesposizione alla caffeina del tè durante la gravidanza può contribuire a complicazioni, come aborto spontaneo o basso peso alla nascita del bambino. Anche le tisane dovrebbero essere usate con cautela, poiché alcuni ingredienti possono indurre il travaglio.

7. Mal di testa

L'assunzione intermittente di caffeina può aiutare ad alleviare alcuni tipi di mal di testa. Tuttavia, se usato cronicamente, può verificarsi l'effetto opposto.

Il consumo di routine di caffeina dal tè può contribuire a ricorrenti mal di testa.

Alcune ricerche suggeriscono che un minimo di 100 mg di caffeina al giorno potrebbe contribuire alla recidiva quotidiana del mal di testa. Tuttavia, la quantità necessaria per scatenare un mal di testa può variare in base alla tolleranza di un individuo.

Il tè tende ad avere meno caffeina rispetto ad altre bevande contenenti caffeina popolari, come bibite gassate o caffè, ma alcuni tipi possono comunque fornire fino a 60 mg di caffeina per tazza (240 ml).

Se hai mal di testa ricorrenti e pensi che possano essere correlati all'assunzione di tè, prova a ridurre o eliminare questa bevanda dalla tua dieta per un po' per vedere se i sintomi migliorano.

Riepilogo: il consumo di routine di quantità eccessive di caffeina dal tè potrebbe contribuire al mal di testa cronico.

8. Vertigini

Sebbene la sensazione di stordimento o vertigini sia un effetto collaterale meno comune, potrebbe essere dovuto al consumo di troppa caffeina dal tè.

Consigliato per te: Caffè e tè: Qual è il più sano?

Questo sintomo è tipicamente associato a dosi elevate di caffeina, in genere quelle superiori a 400–500 mg o circa 6–12 tazze (1,4–2,8 litri) di tè. Tuttavia, potrebbe verificarsi con dosi più piccole in persone particolarmente sensibili.

In generale, non è consigliabile consumare così tanto tè in una sola volta. Se noti che ti vengono spesso le vertigini dopo aver bevuto il tè, opta per versioni a basso contenuto di caffeina o consulta il tuo medico.

Riepilogo: Grandi dosi di caffeina dal tè possono causare vertigini. Questo effetto collaterale è meno comune di altri e di solito si verifica solo se l'assunzione supera 6–12 tazze (1,4–2,8 litri).

9. Dipendenza da caffeina

La caffeina è uno stimolante che dà assuefazione e l'assunzione regolare di tè o di qualsiasi altra fonte potrebbe portare alla dipendenza.

I sintomi di astinenza da caffeina possono includere mal di testa, irritabilità, aumento della frequenza cardiaca e affaticamento.

Il livello di esposizione richiesto per sviluppare la dipendenza può variare in modo significativo a seconda della persona. Tuttavia, alcune ricerche suggeriscono che potrebbe iniziare dopo soli 3 giorni di assunzione consecutiva, con una maggiore gravità nel tempo.

Riepilogo: anche piccole quantità di assunzione regolare di tè potrebbero contribuire alla dipendenza dalla caffeina. I sintomi di astinenza includono affaticamento, irritabilità e mal di testa.

Il tè è una delle bevande più popolari al mondo. È delizioso e legato a numerosi benefici per la salute, tra cui una ridotta infiammazione e un minor rischio di malattie croniche.

Sebbene un'assunzione moderata sia salutare per la maggior parte delle persone, bere troppo potrebbe portare a effetti collaterali negativi, come ansia, mal di testa, problemi digestivi e disturbi del sonno.

Consigliato per te: 14 motivi per cui hai sempre fame

La maggior parte delle persone può bere 3-4 tazze (710-950 ml) di tè al giorno senza effetti avversi, ma alcuni possono manifestare effetti collaterali a dosi inferiori.

Gli effetti collaterali più noti del consumo di tè sono legati al contenuto di caffeina e tannino. Alcune persone sono più sensibili a questi composti rispetto ad altre. Pertanto, prestare attenzione a come la tua abitudine al tè può influire su di te personalmente è essenziale.

Se stai riscontrando effetti collaterali che ritieni possano essere correlati all'assunzione di tè, prova a ridurre gradualmente fino a trovare il livello giusto.

Se non sei sicuro di quanto tè dovresti bere, consulta il tuo medico.

Condividi questo articolo: Facebook Pinterest WhatsApp Twitter
Condividi questo articolo:

Altri post che potrebbero piacerti

Le persone che stanno leggendo “Effetti collaterali del tè: 9 motivi per non bere troppo”, adorano anche questi articoli:

Temi

Sfoglia tutti gli articoli