🥑 3 semplici passi per perdere peso il più velocemente possibile. Leggi ora

Segni e sintomi dell'intolleranza al lattosio

5 segni e sintomi più comuni dell'intolleranza al lattosio

L'intolleranza al lattosio è comune e può causare una vasta gamma di sintomi. Ecco 5 segni e sintomi dell'intolleranza al lattosio.

Basato sull'evidenza
Questo articolo si basa su prove scientifiche, scritte da esperti e verificate da esperti.
Esaminiamo entrambi i lati dell'argomento e ci sforziamo di essere obiettivi, imparziali e onesti.
Ultimo aggiornamento il 23 agosto 2022 e ultima revisione da parte di un esperto il 14 luglio 2022.

Il lattosio è un tipo di zucchero che si trova naturalmente nel latte della maggior parte dei mammiferi.

L’intolleranza al lattosio è una condizione caratterizzata da sintomi quali dolore allo stomaco, gonfiore, gas e diarrea, causati dal malassorbimento del lattosio.

Negli esseri umani, un enzima noto come lattasi è responsabile della scomposizione del lattosio per la digestione. Questo è particolarmente importante per i neonati, che hanno bisogno della lattasi per digerire il latte materno.

Tuttavia, con l’avanzare dell’età, i bambini producono generalmente sempre meno lattasi.

In età adulta, fino al 70% delle persone non produce più lattasi a sufficienza per digerire correttamente il lattosio contenuto nel latte, provocando sintomi quando si consumano latticini. Questo fenomeno è particolarmente comune nelle persone di origine non europea.

Alcune persone possono anche sviluppare un’intolleranza al lattosio dopo un intervento chirurgico o a causa di malattie gastrointestinali come infezioni virali o batteriche.

Ecco i 5 segni e sintomi più comuni dell’intolleranza al lattosio.

1. Dolore e gonfiore allo stomaco

Il dolore e il gonfiore di stomaco sono sintomi comuni dell’intolleranza al lattosio sia nei bambini che negli adulti.

Quando il corpo non è in grado di scomporre il lattosio, questo passa attraverso l’intestino fino a raggiungere il colon.

I carboidrati, come il lattosio, non possono essere assorbiti dalle cellule che rivestono il colon, ma possono essere fermentati e scomposti dai batteri naturali che vi abitano, noti come microflora.

Questa fermentazione provoca il rilascio di acidi grassi a catena corta e dei gas idrogeno, metano e anidride carbonica.

L’aumento di acidi e gas che ne consegue può portare a dolori e crampi allo stomaco. Il dolore è solitamente localizzato intorno all’ombelico e nella parte inferiore della pancia.

La sensazione di gonfiore è causata da un aumento di acqua e gas nel colon, che provoca una distensione della parete intestinale, nota anche come distensione.

Elenco degli alimenti con glutine: Elenco degli alimenti da evitare e delle alternative
Consigliato per te: Elenco degli alimenti con glutine: Elenco degli alimenti da evitare e delle alternative

È interessante notare che la quantità di gonfiore e dolore non è legata alla quantità di lattosio ingerito, ma alla sensibilità dell’individuo alle sensazioni di distensione. Pertanto, la frequenza e la gravità dei sintomi possono variare in modo significativo da un individuo all’altro.

Infine, il gonfiore, la distensione e il dolore possono provocare nausea o addirittura vomito in alcune persone. Questo fenomeno è raro ma è stato osservato in alcuni casi, anche nei bambini.

È importante notare che il mal di pancia e il gonfiore sono sintomi comuni che potrebbero derivare da altre cause, come l’ingestione eccessiva di cibo, altri tipi di malassorbimento, infezioni, farmaci e altre patologie.

Sommario: Il dolore e il gonfiore di stomaco sono comuni nell’intolleranza al lattosio. Si verificano quando i batteri del colon fermentano il lattosio che l’organismo non ha digerito, provocando un eccesso di gas e acqua. Il dolore è spesso localizzato intorno all’ombelico e alla parte bassa della pancia.

2. Diarrea

La diarrea è definita come un aumento della frequenza, della liquidità o del volume delle feci. Ufficialmente, il passaggio di più di 200 grammi di feci in 24 ore viene classificato come diarrea.

L’intolleranza al lattosio provoca la diarrea aumentando il volume dell’acqua nel colon, il che aumenta il volume e il contenuto liquido delle feci. È più comune nei neonati e nei bambini piccoli che negli adulti.

Consigliato per te: Come sbarazzarsi della forfora: 9 rimedi casalinghi

Nel colon, la microflora fermenta il lattosio in acidi grassi a catena corta e gas. La maggior parte di questi acidi, ma non tutti, viene riassorbita nel colon. Gli acidi e il lattosio avanzati aumentano la quantità di acqua che il corpo rilascia nel colon.

In genere, per provocare la diarrea, devono essere presenti nel colon più di 1,6 once (45 grammi) di carboidrati. Nel caso del lattosio, ciò equivale a bere 3-4 tazze (circa 750 ml - 1 litro) di latte, supponendo che il lattosio non venga digerito prima di raggiungere il colon.

Tuttavia, non tutti i carboidrati che causano diarrea provengono dal lattosio. Il 2-20% dei carboidrati consumati raggiunge il colon non digerito nelle persone sane.

Infine, esistono molte altre cause di diarrea oltre all’intolleranza al lattosio. Queste includono la dieta, altri tipi di malassorbimento, farmaci, infezioni e malattie infiammatorie intestinali.

Sintesi: L’intolleranza al lattosio può causare diarrea, ovvero un aumento della frequenza, della liquidità o del volume delle feci. Si verifica quando il lattosio non digerito fermenta nel colon, producendo acidi grassi a catena corta che aumentano la quantità di acqua nell’intestino.

3. Aumento del gas

La fermentazione del lattosio nel colon aumenta la produzione di idrogeno, metano e anidride carbonica.

Consigliato per te: FODMAP: una guida dettagliata per principianti

Nelle persone con intolleranza al lattosio, la microflora del colon diventa molto brava a fermentare il lattosio in acidi e gas. Questo fa sì che il lattosio venga fermentato maggiormente nel colon, aumentando ulteriormente la flatulenza.

La quantità di gas prodotta può variare enormemente da persona a persona, a causa delle differenze nell’efficienza della microflora e del tasso di riassorbimento dei gas da parte del colon.

È interessante notare che i gas prodotti dalla fermentazione del lattosio non hanno alcun odore. L’odore della flatulenza deriva dalla scomposizione delle proteine nell’intestino, non dei carboidrati.

Riepilogo: La fermentazione del lattosio nel colon può portare a un aumento della flatulenza e la misura in cui ciò si verifica può variare significativamente da persona a persona. Il gas prodotto dalla fermentazione del lattosio è inodore.

4. Costipazione

La stitichezza è caratterizzata da feci dure e poco frequenti, sensazione di movimenti intestinali incompleti, fastidio allo stomaco, gonfiore e sforzi eccessivi.

Può essere un’altra indicazione di intolleranza al lattosio, anche se è un sintomo molto più raro della diarrea.

Quando i batteri del colon fermentano il lattosio non digerito, producono gas metano. Si ritiene che il metano rallenti il tempo di transito del cibo nell’intestino, causando in alcune persone la stitichezza.

8 alimenti che possono causare prurito come reazione allergica
Consigliato per te: 8 alimenti che possono causare prurito come reazione allergica

Finora gli effetti costipanti del metano sono stati studiati solo in persone affette da sindrome dell’intestino irritabile e da sovracrescita batterica. Pertanto, la stitichezza non è comunemente associata all’intolleranza al lattosio, anche se è stata segnalata come un sintomo.

Altre cause di stitichezza sono la disidratazione, la mancanza di fibre nella dieta, alcuni farmaci, la sindrome dell’intestino irritabile, il diabete, l’ipotiroidismo, il morbo di Parkinson e le emorroidi.

Sommario: La stitichezza è un sintomo più raro dell’intolleranza al lattosio. Si pensa che sia causata da un aumento della produzione di metano nel colon, che rallenta il tempo di transito nell’intestino. Sono necessarie ulteriori ricerche sulla stitichezza nelle persone con intolleranza al lattosio.

5. Altri sintomi

Sebbene i principali sintomi riconosciuti dell’intolleranza al lattosio siano di tipo gastrointestinale, alcuni casi di studio hanno riportato altri sintomi, tra cui:

Tuttavia, questi sintomi non sono stati accertati come veri e propri sintomi dell’intolleranza al lattosio e possono avere altre cause.

Consigliato per te: 7 sintomi della crescita eccessiva della Candida e come liberarsene

Inoltre, alcune persone allergiche al latte possono erroneamente attribuire i loro sintomi all’intolleranza al lattosio.

Fino al 5% delle persone ha un’allergia al latte vaccino ed è più comune nei bambini.

L’allergia al latte e l’intolleranza al lattosio non sono correlate. Tuttavia, si manifestano comunemente insieme, il che può rendere più difficile l’identificazione delle cause dei sintomi.

I sintomi di un’allergia al latte includono:

A differenza dell’intolleranza al lattosio, l’allergia al latte può essere pericolosa per la vita, quindi è importante ottenere una diagnosi accurata dei sintomi, soprattutto nei bambini.

Riepilogo: Altri sintomi segnalati includono mal di testa, stanchezza, eczema e dolori muscolari e articolari, ma non sono stati confermati come sintomi reali. È importante non confondere l’intolleranza al lattosio con l’allergia al latte, che può essere fatale.

Cosa fare in caso di sintomi di intolleranza al lattosio

Poiché i sintomi dell’intolleranza al lattosio sono piuttosto generici, è importante ottenere una diagnosi accurata prima di eliminare i latticini dalla propria dieta.

Consigliato per te: 8 cereali senza glutine che sono super salutari

Molte persone che pensano di avere un’intolleranza al lattosio perché ne hanno avvertito i sintomi, hanno dimostrato di assorbire il lattosio normalmente.

Gli operatori sanitari spesso diagnosticano l’intolleranza al lattosio utilizzando il test del respiro all’idrogeno. Questo test consiste nell’ingerire 1,8 once (50 grammi) di lattosio e verificare la presenza di livelli elevati di idrogeno nel respiro, causati dai batteri che fermentano il lattosio nel colon.

È interessante notare che fino al 20% delle persone con malassorbimento del lattosio non risulta positivo al test e che alcune persone che risultano positive non presentano alcun sintomo.

Questo perché non tutte le persone con malassorbimento presentano un’intolleranza al lattosio.

L’intolleranza al lattosio è definita dalla presenza dei sintomi riportati e dipende da quanto una persona è sensibile agli effetti del malassorbimento e dalla quantità di lattosio presente nella sua dieta.

Il trattamento dell’intolleranza al lattosio prevede solitamente la restrizione o l’evitamento di alimenti ad alto contenuto di lattosio come il latte, il formaggio spalmabile, la panna e il gelato.

Tuttavia, le persone con intolleranza al lattosio possono spesso tollerare fino a 1 tazza (240 ml) di latte, soprattutto se distribuito nell’arco della giornata. Ciò equivale a 0,4-0,5 once (12-15 grammi) di lattosio.

13 alimenti che causano gonfiore (e cosa mangiare al loro posto)
Consigliato per te: 13 alimenti che causano gonfiore (e cosa mangiare al loro posto)

Inoltre, le persone spesso tollerano meglio i prodotti lattiero-caseari fermentati come il formaggio e lo yogurt, quindi questi alimenti possono aiutare le persone a soddisfare il loro fabbisogno di calcio senza causare sintomi.

Riepilogo: Se presenti i sintomi dell’intolleranza al lattosio, il tuo medico può determinare la diagnosi facendoti eseguire un test dell’idrogeno nel respiro. Il trattamento di solito consiste nell’evitare gli alimenti ad alto contenuto di lattosio come il latte, anche se è possibile tollerare piccole quantità di lattosio.

Sommario

L’intolleranza al lattosio è molto comune e colpisce fino al 70% delle persone in tutto il mondo.

I sintomi più comuni includono dolore allo stomaco, gonfiore, diarrea, costipazione, gas, nausea e vomito.

Sono stati segnalati altri sintomi, come mal di testa, stanchezza ed eczema, ma sono più rari e non ben definiti. A volte le persone attribuiscono erroneamente i sintomi di un’allergia al latte, come l’eczema, all’intolleranza al lattosio.

Se hai i sintomi dell’intolleranza al lattosio, un test dell’alito all’idrogeno può aiutarti a determinare se hai un malassorbimento del lattosio o se i tuoi sintomi sono causati da qualcos’altro.

Il trattamento prevede la riduzione o l’eliminazione delle fonti di lattosio dalla dieta, tra cui latte, panna e gelato. Tuttavia, molte persone con intolleranza al lattosio possono bere fino a 1 tazza (240 ml) di latte senza avvertire alcun sintomo.

Consigliato per te: 18 rimedi casalinghi per sbarazzarsi naturalmente del mal di testa

La gravità dei sintomi varia da persona a persona, quindi è importante scoprire quale sia la quantità di latticini adatta a te.

Condividi questo articolo: Facebook Pinterest WhatsApp Twitter
Condividi questo articolo:

Altri post che potrebbero piacerti

Le persone che stanno leggendo “5 segni e sintomi dell'intolleranza al lattosio”, adorano anche questi articoli:

Temi

Sfoglia tutti gli articoli